Ricordo il mio primo viaggio all'estero da sola. In Grecia.
Un trolley enorme in cui avevo messo di tutto. Avevo letteralmente svuotato l'armadio per trasportarlo con me. Una marea di capi inutili, vestiti che non avrei mai e poi mai indossato.
Con gli anni, dopo tanti viaggi, sono cambiata radicalmente.
Riesco a far entrare tutto in uno zaino da trasportare comodamente sulle spalle.
Se il viaggio dura meno di una settimana riesco a utilizzare solo il bagaglio a mano (che reputo sempre la soluzione più pratica) e a selezionare accuratamente i capi che possono essere riutilizzati senza che qualcuno possa pensare "Ah, ma Manuela si veste ogni giorno alla stessa maniera?".
Insomma, credo di essere diventata un'esperta, ormai.
E ne giova anche il peso del bagaglio, che è sempre al di sotto del limite imposto dalle compagnie aeree.
In questo post, quindi, ho deciso di dare qualche piccolo consiglio a coloro che mi ricordano com'ero io sette anni fa. A coloro che non partono se non hanno al seguito mezza casa.
Vediamo un po' come preparare il bagaglio per viaggiare leggeri.

1. Scegliere un bagaglio leggero
Molti, al momento dell'acquisto del bagaglio, sottovalutano l'importanza del peso.
E - vi assicuro - è un grave errore.
Ho tantissimi trolley a casa, alcuni davvero meravigliosi e originali, ma non tutti sono funzionali e comodi per un viaggio. Alcuni bagagli, infatti, presentano una struttura importante che non tiene conto dei limiti di peso delle compagnie aeree. Pensate, ho bagagli che, già da vuoti, pesano quasi 4 kg!
Ricordate: scegliere un bagaglio leggero è importante sia per non pagare i costi aggiuntivi per il superamento del limite di peso, sia per rendere più agevole il trasporto del trolley durante i vari spostamenti.

2. Ragionate in funzione della destinazione
Lo so, sembrerà scontato, ma non lo è. Vi assicuro che non lo è (e non lo era nemmeno per me).
Supponiamo che stiate partendo per la Finlandia in pieno inverno e abbiate voglia di portare con voi quel nuovissimo paio di ankle boots con tacco 12. Prima di inserirli in valigia occupando un quarto dello spazio, pensate "Mi serviranno?" e ripetetelo più volte nella vostra mente.
Vedrete, non appena realizzerete che l'unico appuntamento galante che vi potrebbe capitare è quello con Babbo Natale, beh, le riporrete nella scarpiera.

3. Preparare un beauty leggero
Il beauty, se non preparato al meglio, può rivelarsi uno degli oggetti più pesanti da mettere in valigia. Per evitare questo io consiglio di portare lo stretto indispensabile.
Se siete donne e non sapete rinunciare al make up (cosa non opinabile) riducete all'osso l'occorrente per il make up. Un solo rossetto, un solo ombretto, un solo eye-liner e un solo mascara. Ditemi, a cosa vi servirà quel gloss che non utilizzate da anni?
Se partite per pochi giorni lasciate a casa le grandi confezioni di shampoo, bagnoschiuma e balsamo. Utilizzate, invece, dei piccoli flaconi (100 ml) in cui travasare il vostro shampoo/balsamo/bagnoschiuma abituale. Io spesso sciacquo i flaconcini degli hotel e li riutilizzo così. In alternativa potete acquistare delle boccettine vuote nei grandi supermercati.
Se il viaggio dura solo una/due notti potete utilizzare anche i campioncini delle erboristerie.
Suggerimento unisex: utilizzate il deodorante in crema, in versione tascabile. Oltre ad essere più leggero, annulla la possibilità che la boccetta si apra sporcando gli indumenti in valigia.

3. Less is more - Ragionate in funzione dei giorni di viaggio
Se dovete star via solo tre giorni, a cosa serve il bagaglio da stiva?
A portare con sé della roba inutile, è chiaro (a meno che non dobbiate trasportare liquidi, ad esempio bottiglie di vino locale. In tal caso siete giustificati).
Appuntate mentalmente (o per iscritto) quali sono gli outfit più congeniali in base alle attività legate a ciascun giorno di viaggio. Selezionate quindi i capi più utili, uno per ogni attività (al massimo un paio di outfit per dì, uno per il giorno e uno per la sera).
Vi sembra troppo poco? Fate finta che il viaggio duri un giorno in più e aggiungete - al massimo - un altro paio di capi, uno da giorno e uno per la cena.

4. Spedite tutto ciò che non è facilmente trasportabile
Desiderate viaggiare leggeri ma dovete trasportare la vostra tavola da snowboard o da surf? Andate a trovare i vostri cugini in America e avete voglia di portar loro un po' di prodotti made in Italy?
Nessun problema. Con Packlink.it è possibile far arrivare tutto a destinazione con una semplice spedizione. Senza pagare costi aggiuntivi per il peso eccessivo del bagaglio e senza rischiare che il bagaglio speciale venga respinto.
Vi spiego meglio: Packlink PRO è una piattaforma di spedizione che rende semplici le spedizioni facendo risparmiare tempo e denaro.
Come?
Questa piattaforma permette di confrontare i prezzi di oltre 300 servizi di spedizione e spedire a prezzi scontati fino al 70%.
Inoltre Packlink Pro non comporta nessun costo fisso, quindi chi utilizza il servizio pagherà solo ed esclusivamente la spedizione.

E voi?
Viaggiate con bagaglio da stiva o solo con bagaglio a mano?
E che consigli avete per viaggiare leggeri?