Eppure stavolta, con #SalentoUpNdown, ho visto un’altra Gallipoli.


Perché stavolta ho apprezzato così tanto Gallipoli?

Ho sentito il sapore profondo e intenso del mare.
Certo, il pesce è l’ingrediente principale dei piatti gallipolini, ma il mare è ovunque e non solo a tavola. Gallipoli si adagia sul mare e vive sul mare, è impregnata del suo profumo, del suo influsso positivo. Dal mercato ittico (nei pressi dell’area portuale), caratterizzato dalla veracità dei pescatori e dal mix di colori brillanti del pesce fresco esposto sui banconi, fino ai pescherecci nel porto, con le reti rosse e verdi che con impazienza aspettano di essere utilizzate. E i pescatori indaffarati che si nascondono sotto gli ombrelloni per proteggersi dal sole cocente.



Persino girovagando tra le viuzze strette e tortuose del centro storico – situato su un’isola di natura calcarea - si avverte l’influenza del mare.
Tra lenzuola e panni stesi di vario genere,  spiccano spugne, stelle marine e conchiglie di ogni colore. Tutto rimanda al mondo marino che io tanto adoro.


E per finire Gallipoli offre la possibilità di un giro in barca per ammirare il Parco Punta Pizzo e godere pienamente della brezza marina.
Un ulteriore modo per assaporare il mare e la vera essenza gallipolina.

Se avete voglia di un aperitivo di pesce con uno splendido panorama fate tappa alla Corte d’Angiò, mentre se cercate un vero e proprio ristorante di mare vi consiglio Al Pescatore. A due passi dal mare, propone ottimi piatti a base di pesce (io ho adorato la tartare). Se invece vi interessa pernottare in loco, potete dare un’occhiata a questi hotel a Gallipoli.

Ricaricatevi di curiosità e Gallipoli sarà pronta ad accogliervi al meglio!

Link utili

- Portale ufficiale del turismo in Puglia: www.viaggiareinpuglia.it
- Vacanze in Puglia: 3 itinerari