Questo è un post che desideravo scrivere da molto tempo.
Ma soprattutto questo è un posto che desideravo scoprire da molto tempo.
Sono così felice che le Cinque Terre siano state il primo dei miei TravelDreams2014 a prendere forma - e chissà se riuscirò mai a realizzare anche gli altri! - che ancora stento a credere di esserci stata davvero.
Sembrerà strano, ma mentre scrivo questo articolo (ascoltando Dream about me di Moby) mi sembra di parlare di un sogno. Perchè le Cinque Terre sono un sogno. Soprattutto se viste dal mare a bordo del gozzo, una barca da pesca tipica della Liguria.

Le Cinque Terre dal mare

Tutti i partecipanti al raduno di #WeLevanto sono stati messi di fronte a un'ardua scelta per giungere alle Cinque Terre: barca o trekking?
Ci ho pensato pochi secondi, poi senza esitazione ho optato ovviamente per la "via" ideale per me: la barca.
In una splendida giornata di sole siamo partiti da Levanto a bordo della nostra imbarcazione.
Otto persone trepidanti e impazienti di avvistare le località tanto bramate.
Armati di crema solare - grazie Claudia! - per non arrivare cotti alla meta, ci siamo messi comodi, ma talmente comodi da socchiudere le palpebre abbandonandoci al dolce movimento delle onde.
Il profumo del mare, il sole che bacia la pelle, un sogno che finalmente sta per realizzarsi. Se questa non è vita! :)

partenza da Levanto per le Cinque Terre

a bordo del gozzo, Levanto

con Marika e Farah, Cinque Terre

E affinchè un desiderio si realizzi nel migliore dei modi è indispensabile condividerlo con persone genuine e capaci di entusiasmarsi ogni volta come bambini, assaporando tutte le sfumature che la vita ci regala.
Ho avuto questa grande fortuna.
Quando dal mare abbiamo iniziato a scorgere le Cinque Terre incastonate in lontananza non si è capito più nulla. Tanta era la felicità che credo saremmo stati capaci di raggiungerle persino a nuoto!
Sorrisi, esclamazioni, foto a destra e a manca. L'entusiasmo è stato più che tangibile.

Le Cinque Terre dal mare, Claudia ed io

Converse e barca, Cinque Terre

Cinque Terre, Liguria

Avvicinandoci sempre più al puzzle di casette colorate, non ho fatto altro che ridere di gusto.
E in cuor mio, cullata dalle onde e dal venticello, ho riflettutto sulla bellezza dell'Italia.
A volte capita di andare dall'altra parte del mondo senza provare nemmeno la metà delle emozioni che il nostro stivale è capace di offrire.
L'Italia è un vero museo a cielo aperto. Ogni regione ha qualcosa di unico e speciale, qualcosa che merita di esser visto, qualcosa che ci invidiano nel mondo.
La Liguria, ad esempio, mi ha piacevolmente sconvolto. Racchiusa tra il mare e le montagne, è una terra variegata, ricca di natura,  tradizioni, gioielli da esplorare.
Mentre ero così presa da questa profonda elucubrazione sulle bellezze d'Italia, siamo giunti a Vernazza, una delle Cinque Terre.
Finalmente ci siamo!

Cinque Terre, Liguria

avvicinandoci a Vernazza, Cinque Terre

Claudia tra le nuvole, Cinque Terre

arrivo a Vernazza, Cinque Terre

Vernazza, Cinque Terre

Vernazza è una bomboniera piccina e coloratissima.
Prima l'azzurro del mare incorniciato dai colori caldi delle pareti delle casette, poi, una volta scesi dal gozzo, si viene inghiottiti da una graziosissima scala di arancioni.
Ma di questo vi parlerò presto...preparatevi ad una carrellata di immagini e colori: vi aspettano Vernazza, Monterosso e Riomaggiore!
Informazioni utili

La barca non è l'unico modo per raggiungere le Cinque Terre.
I più temerari possono cimentarsi nel trekking vivendo un'esperienza indimenticabile fatta di salite, discese e scorci mozzafiato.
Non dimenticate che raggiungere le Cinque Terre in treno è facilissimo e veloce. Probabilmente il modo migliore per visitare tutti i paesini della zona.
Noi abbiamo scelto la barca per arrivare a Vernazza e godere dell'incantevole paesaggio da una porzione di Mar Mediterraneo, poi abbiamo usufruito dei comodi treni Trenitalia per spostarci da un paesino all'altro.