La Valle d'Itria è una terra magica per i suoi paesaggi incantevoli, per le sue cittadine così caratteristiche e per i suoi Trulli che la mia amica Benedetta definisce fantastiche opere di ingegneria.

La Valle d'Itria è anche un tripudio di sapori locali e autentici da scoprire in compagnia di chi conosce bene il territorio.

E così, tra un trullo e un muretto a secco, tra vigneti e cespugli di more, abbiamo seguito un percorso enogastronomico itinerante con lo scopo di gustare le eccellenze del territorio.

Siamo partiti dalle delizie di Cisternino per poi scoprire le bellezze e i vini di Locorotondo che ci hanno accompagnato nel social pic-nic, per terminare il nostro tour del gusto tra i latticini, i bocconotti e i piatti più eleganti di Martina Franca.

Mi dispiace, ma con un programmino del genere non c'è dieta che tenga! :D

Cisternino

Cisternino è la patria delle bombette, involtini di carne farciti (preparati in tutte le varie declinazioni) e solitamente cotti sulla brace. 

Alle bombette non si può resistere! 

Dove mangiarle? Cisternino pullula di macellerie in cui è possibile scegliere al banco la carne che si preferisce per poi farsela servire cotta direttamente al tavolo, magari accompagnata da antipasti della casa, primi e insalata. 

Una delle migliori (ottima qualità, ottimo rapporto qualità/prezzo e bella location) è l'Arrosteria del Vicoletto, che, come dice il nome stesso, si trova tra i vicoli di Cisternino, lontano dal passeggio e con tanti tavoli all'aperto. Oltre alle favolose bombette, ci siamo fatti preparare le tipiche patate in cenere cotte nel forno in pietra.

Chi è alla ricerca di un posto innovativo, insolito e fuori dal comune non può perdersi Mezzofanti (qui la pagina Facebook), il tipico locale che io definirei figo (o cool - fate voi)! 

Ogni dettaglio è curato alla perfezione: il pavimento retrò recuperato da Surbo, il mobile antico in legno di cui una parte è stata utilizzata come portabicchieri inusuale, il bancone del bar ricco di cristalli, la sala etno-chic ricavata da un'area che era un vecchio forno.

Tutto contribuisce a creare uno stile ricercato legato al fascino dell'antico e della tradizione e allo stesso tempo proiettato verso il futuro dell'innovazione.

Luano e Erika, i proprietari del Mezzofanti, due giovani simpaticissimi e cordiali, puntano molto all'innovazione, organizzando eventi coinvolgenti e inediti al Sud: dal brunch alle serate jazz, dalle serate vintage a tema al Silent Party. 

Anche il cibo qui è in grado di soprendere: persino il piatto più comune è preparato con accorgimenti speciali ed in maniera più light possibile. Basti pensare che abbiamo gustato con amore la parmigiana con melanzane cotte al forno e non fritte. Impossibile resistere alla torta salata di menta e zucchine e al piatto forte del locale: laganari con pesto di pistacchio, fonduta di caciocavallo e fiori di borragine (commestibili, ovviamente).

Non è sempre semplice trovare un posto che si prodiga per accontentare quei clienti più consapevoli, più attenti alla linea o semplicemente alla salute [l'ho sperimentato sulla mia pelle]. Mezzofanti è attento anche a questo, preparando piatti con ingredienti naturali e svariati tipi di centrifugati di frutta e verdura.

Arrosteria del Vicoletto: Via Giulio II, 16 Cisternino (Brindisi)

Mezzofanti: Piazza Pellegrino Rossi 6, Via Mezzofanti 17 Cisternino (Brindisi)

Martina Franca

Per molto tempo ho atteso questo incontro: la visita al Caseificio Pioggia di Martina Franca (qui il sito ufficiale). 

Un caseificio storico che negli anni Settanta si occupava prettamente della produzione di ricotta e poi ha allargato i propri orizzonti introducendo nuovi prodotti e specializzandosi nell'artigianato gastronomico di alta qualità, in particolare di formaggi e latticini made in Puglia.

Ci è stato spiegato che la stagionatura dei prodotti varia dai tre ai dodici mesi in base al palato da soddisfare. Per il parmigiano le stagionature possono andare anche dai ventiquattro ai trentasei mesi.

Il gentilissimo titolare ci ha mostrato alcune fasi della lavorazione dei loro latticini, in particolare la produzione di burratinetrecce e scamorze.

Partecipare alla lavorazione non è stato semplice, dal momento che abbiamo dovuto resistere ai profumi invitanti che ci hanno accolto nel laboratorio. Per fortuna abbiamo ricevuto un premio: una burratina calda calda appena pronta! 

Al Caseificio Pioggia si sperimenta in continuazione, tanto da realizzare formaggi con peperoncino, pomodorino, noci e olive e prodotti realizzati con formaggio di capra ideali per coloro che soffrono di intolleranze alimantari.

I latticini di Pioggia Store ci son piaciuti talmente tanto che li abbiamo portati con noi per il Social Pic-Nic nel cuore della Valle d'Itria.

Pioggia Store: Via G.Grassi 26 Martina Franca (Taranto)

Locorotondo

Dopo aver ammirato il centro storico di Locorotondo tra i balconi in fiore e le cummerse, abbiamo fatto un salto da 750 ml Wine Selection per scegliere un vino di qualità per accompagnare il social pic-nic.

Abbiamo scelto il 1195 IGT Valle d'Itria, dal sapore fresco e frizzantino.

750 ml Wine Selection: Via M. di Savoia 31 Locorotondo (Bari)

Tornati a Cisternino, affidandoci all'esperta locale Benedetta, ci siamo fatti guidare in un inedito percorso attraversando un tratto storico dell'Acquedotto Pugliese immersi nella natura della Valle d'Itria, tra capre, cavalli, vigneti, cespugli di more, castagni, muretti a secco e ovviamente gli immancabili e caratteristici trulli.

Abbiamo scelto proprio un trullo come location del nostro social pic-nic. Perchè social? Perchè la nostra "mensa" è stata resa pubblica mediante numerosi aggiornamenti sui vari social: Instagram, Twitter, Facebook. Si sa, la condivisione (non solo l'unione) fa la forza!

...di nuovo a Martina Franca

Non potevamo certo saltare lo storico Caffè Tripoli, un'istituzione a Martina Franca.

Questo bar vanta un'esperienza decennale ed è noto per la sua fine pasticceria, in particolare per il bocconotto.

Il bocconotto, la cui arte fu appresa decenni fa a Napoli e poi rivisitata in vari modi, è imperdibile qui al Caffè Tripoli.

Siamo anche andati in laboratorio per spiare il maestro del bocconotto mentre ne preparava a centinaia con maestria e incredibile velocità.

E ovviamente l'assaggio è stato d'obbligo!

Ottimo il bocconotto con ripieno di ricotta e pera, anche se per me il migliore è stato quello classico alla crema.. un'estasi di gusto!

L'ultima cena l'abbiamo gustata dalla mitica chef Angela Pagano, nella sua Torre di Angelucco (qui il sito ufficiale), una vera e propria chicca da non perdere a Martina Franca

Un ambiente intimo e raffinatissimo in cui predomina la tranquillità emanata dal bianco, location perfetta per accogliere pietanze ricercate in cui la tradizione pugliese si sposa con la modernità e con la continua ricerca dell'ingrediente più adatto per dare un tocco sofisticato senza rinunciare al gusto della semplicità. 

Uno dei piatti più apprezzati è stato lo sformatino di risotto bianco e capocollo su vellutata di zucchine e menta e julienne fritta. 

Da provare anche il filetto di maialino lardellato con patata schiacciata.

Muffin e Dintorni ce l'aveva preannunciato: "Angela è maestra nell'arte di viziare.. "

Impossibile descrivere il tripudio di sapori gustato dal palato, ma proverò a dare un'idea con le immagini che seguono.

Ristorante Torre di Angelucco: Via Mercadante 36 Martina Franca (Taranto)

Caffè Tripoli: Piazza Garibaldi 25 Martina Franca (Taranto)

Vi siete persi il #Valleditriatour? Scopritelo con Cesaria su Ridi e Assapori!